Sei qui: Home Page » Vini e cibo » Guida Michelin Italia 2013
Vini e cibo
luned́, 19 novembre 2012

Guida Michelin Italia 2013

Sono stati cinque i ristoranti pugliesi premiati con una stella Michelin.
 
- A +   stampa  
di Anna Maria Moro

 

È stata pubblicata la Guida Michelin Italia 2013. Giunta ormai alla sua 58esima edizione, la più celebre guida internazionale dei ristoranti d’Italia quest’anno ha premiato 307 locali.
 
Assegnando voti che vanno da una a tre stelle, quest’anno l’Italia ha guadagnato il secondo posto sul podio mondiale della ristorazione secondo Michelin, preceduta dalla sola Francia.
 
Sono infatti 7 i locali che hanno ottenuto il riconoscimento delle tre stelle Michelin, 39 quelli che ne hanno due e 261 i ristoranti che ne hanno ricevuta una sola.
 
In vetta alla classifica spicca la Lombardia, che con Dal Pescatore a Canneto sull’Oglio (Mantova) e Da Vittorio a Brusaporto (Bergamo), figura come unica regione italiana con due ristoranti ad aver ottenuto le tre stelle. Confermate le tre stelle anche per Massimo Bottura dell’Osteria Francesca di Modena e per Heinz Beck della Pergola di Roma, unici ristoranti di Emilia Romagna e Lazio ad aver ottenuto il massimo riconoscimento Michelin.
 
Chiudono la classifica dei locali premiati con le tre stelle: Piazza Duomo ad Alba (Cuneo), Le Calandre a Rubano (Padova) e l’Enoteca Pinchiorria Firenze.
 
La Lombardia è la regione più dinamica. Infatti ha anche ottenuto il primato per maggior numero di riconoscimenticon 56 ristoranti stellati (50 con una stella e 4 con due stelle),seguono il Piemonte (38) e la Campania (33).
 
Sono 26 le stelle assegnate all’Emilia Romagna e 25 quelle del Trentino Alto Adige; è pari merito invece tra Veneto e Toscana con 24 locali ad aver ricevuto una o due stelle, seguiti dai 21 ristoranti nel Lazio.
 
Il numero di riconoscimenti ottenuti diminuisce vistosamente nel resto della Penisola. Dalle 11 stelle di Sicilia e Liguria si passa alle 8 del Friuli Venezia Giulia, le 7 delle Marche, le 6 di Abruzzo, le 5 di Val d’Aosta, le 3 di Calabria e le 2 di Umbria e Sardegna.
 
E in Puglia cosa è accaduto? Il Tacco d’Italia è presente nella classifica con cinque ristoranti che hanno ottenuto "una stella Michelin". Dalle province di Bari e Brindisi ottengono il famoso riconoscimento Il Poeta Contadino di Alberobello (BA), il Bacco di Bari, Già sotto l’Arco di Carovigno (BR), Al Fornello da Ricci di Ceglie Messapica (BR) e Cielo, ristorante dell’Hotel La Sommità di Ostuni (BR).
 
Il settore della ristorazione pugliese si conferma in continuo fermento e in perenne crescita, garantendo la costante presenza della Puglia in ogni classifica e in ogni avvenimento nazionale e, in alcuni casi, anche internazionale. Note sono le risorse e il potenziale della regione, auspicabile la possibilità di un maggior numero di riconoscimenti e di stelle per gli anni a venire. 

Attibuzione - Non commerciale

 

   

 

martedì 21 ottobre 2014
 
Ultimi commenti
Chi siamo
Redazione
Contattaci
Aderisci a Buonapuglia
Powered by Gosystem